Il clima è (già) cambiato

10 buone notizie sul cambiamento cimatico

Caserini_10 buone notizie

Il riscaldamento globale è la grande questione ambientale di questo secolo. La scienza è chiara: entro pochi decenni, dobbiamo rottama re l’attuale sistema energetico e costruirne uno basato su efficienza ed energie rinnovabili. Eppure non lo stiamo facendo con la rapidità necessaria, continuiamo a rinviare e ad accumulare ritardi.
È ormai evidente che la paura e il senso di colpa non sono stati efficaci nel motivare le persone, le imprese, la politica e la società a modificare i propri comportamenti. La minaccia senza la speranza porta infatti a un pessimismo cupo che rende difficile la scoperta, l’analisi e il sostegno alle alternative possibili. La spinta per superare questa paralisi può venire dal riuscire a scorgere un altro futuro possibile.
Il clima è (già) cambiato raccoglie gli aspetti positivi che si possono intravedere nella complicatissima e maledettamente grave faccenda del riscaldamento globale. E lo fa con il rigore scientifico e l’ironia che da sempre contraddistinguono Stefano Caserini, che scrive con la convinzione che “la storia di come gli esseri umani del XXI secolo hanno cambiato il clima del pianeta è in buona parte ancora da scrivere. Le scelte che faremo nei prossimi decenni contano assai”.

 .

“Le buone notizie sui cambiamenti climatici proposte da Stefano Caserini non sono capriole dialettiche e men che meno tentativi di riderci su. Sono la visione laica di uno scienziato che ti dice le cose come stanno. E com’è che potranno migliorare.”

Silvia Bencivelli, giornalista scientifica

.

“Un bel libro per tutti coloro che non solo sono preoccupati dal cambiamento climatico in corso, ma che vogliono anche capire come agire per evitare che il problema vada oltre le nostre capacità di controllo e travolga gli equilibri geografici, politici, ed economici su cui abbiamo costruite le nostre società. Un libro per guardare in positivo al cambiamento climatico, per non perdere l’opportunità di costruire un mondo migliore.”

Carlo Carraro, Membro del Bureau del Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC).

.

“È finito il tempo dei lamenti e dei dubbi, il danno climatico è in corso. Ora è meglio parlare delle soluzioni che, come spiega Stefano Caserini, ci sono. Applichiamole subito, con convinzione ed entusiasmo.”

Luca Mercalli, presidente della Società meteorologica italiana

.

“Alla fine di una conferenza divulgativa i giovani – oggi così sfiduciati – mi chiedono spesso come, nelle condizioni attuali, si possa essere ragionevolmente ottimisti sul nostro futuro. D’ora in poi so che posso consigliare la lettura di questo bel libro di Caserini.”

Antonello Pasini, climatologo, Consiglio Nazionale delle Ricerche

.

“La sfida del cambiamento climatico sarà vinta non puntando sulla paura, ma grazie alla visione di un mondo equo e sostenibile. Che già oggi si delinea con chiarezza. Il pregio di questo libro è di dare conto di questo futuro: una questione di

Pietro Raitano, direttore di Altreconomia

.

Indice dei capitoli
Introduzione
1 Rassicurazioni
2 Conoscenze
3 Vantaggi
4 Vittorie
5 Possibilità
6 Opportunità
7 Giustificazioni
8 Impegni
9 Segnali
10 Alternative
Conclusioni
Appendice 1 – 101 azioni per contrastare il riscaldamento globale
Appendice 2 – L’Accordo di Parigi
Note e riferimenti bibliografici

.

Recensioni e presentazioni

Alex Saragosa, il venerdì di Repubblica
Valerio Gualerzi, Repubblica e blog 2050
Antonia Sanpietro, Zest Letteratura Sostenibile 
Sara Bragonzi, Quali innovazioni in un clima che è già cambiato?
Massimiliano Panarari, La Stampa –Tutto Green
Intervista a Primaradio.it
Luca Mercalli, La Stampa
Enrico Euli, Saturnalia
Antonello Pasini, blog Il Kyoto fisso
Sylvie Coyaud, blog OcaSapiens
Presentazione presso Edizioni Ambiente di Milano
Presentazione nella trasmissione “Le oche” di Radio Popolare di Milano